CONTATTAMI

Mettiamoci in contatto!

Per contattare l'intervistato devi accedere a Uncò Mag


Oppure Iscriviti manuamente

Lorenza Stroppa / Ciclomundi

3 minuti 483 parole

Un festival per i sognatori a pedali. Intervista a Lorenza Stroppa di Ediciclo, la casa editrice che organizza Ciclomundi.

Parole: 466 | Tempo di lettura: 2 minuti

unco-ciclomundi-1

Lorenza, che cos’è Ciclomundi?

Ciclomundi è il festival nazionale del viaggio e della vacanza in bicicletta. Nato nel 2007 da un’idea dell’editore Ediciclo, Ciclomundi è stato creato per coprire un vuoto. In italia esistono diverse fiere della bici e piccoli festival ma nessuno che parli della cultura e passione della bici.

Quando si svolgerà?

il 13-14-15 giugno a Portogruaro. Venite in bici!

Chi viene a Ciclomundi?

Il pubblico è variegato. Ci sono i ciclisti certo, ma anche famiglie, turisti, professionisti e amatori della bici, commuters, chi usa la bici solo la domenica, chi fa acrobazie con la bmx, ma tutti si sentono rappresentati. Siamo alla quarta edizione. Le scorse si sono svolte a Portogruaro e a Siena, la prossima sarà ancora a Portogruaro.

Perché Ciclomundi è diverso?

Ciclomundi più che un festival è una serie di eventi della durata di un weekend. L’ossatura è formata dagli incontri con i cicloviaggiatori e da incontri tematici. Ciclomundi si svolge in città e non in una fiera, perché l’intento è quello di far vivere il festival e il territorio dove si svolge, creando una diretta corrispondenza.

Ci dai un assaggio degli eventi che si svolgeranno?
Una tavola rotonda sulle nuove strade del turismo con Pierre Sabouraud, inventore della Parigi-Londra; l’arrivo della carovana da Torino a Ciclomundi; un incontro per parlare di artigiani e mondo dell’industria della bici; il manifesto della lentezza, con collaborazioni importanti con il Giro d’Italia in 80 librerie organizzato da Letteratura Rinnovabile e con il Festival del camminare di Bolzano e il Festival della Viandanza di Siena, con i quali è stato anche istituito un gemellaggio.

Perché un evento come Ciclomundi funziona?

La formula Ciclomundi funziona perché è una festa della passione per la bici. È questo ciò che ci differenzia rispetto ad altri eventi legati alla bicicletta, dal momento che spesso sono puramente celebrativi oppure si tratta di fiere a scopo commerciale che si dimenticano di prestare attenzione  ai contenuti.

Come finanziate l’evento?

Con finanziamenti nostri, ma anche grazie a sponsorizzazioni e al crowdfunding. Questa quarta edizione, in effetti, è stata voluta dai nostri lettori e da chi aveva partecipato a quelle precedenti.

In che modo ciclomundi valorizza il territorio?

Ciclomundi permette di conoscere una città attraverso la bici. Portogruaro, ad esempio, è spesso considerata solo come un’altra uscita dell’autostrada,  e invece rappresenta un punto nevralgico per il cicloturista. Il festival propone escursioni nel territorio. Puoi venire con la tua bici o noleggiarne una qui.

Com’è oggi il mercato della bici?

Non sta soffrendo come altri mercati. Finalmente in Italia si vendono più bici che automobili. E la bici è diventata di moda. Questo evento vuole essere un gesto di speranza verso la bici e verso il nostro pubblico, chi è innamorato della bici, quelli che noi chiamiamo i sognatori a pedali.

Puoi sostenere Ciclomundi attraverso il crowdfunding su questo link

unco-ciclomundi-6

unco-ciclomundi-2

unco-ciclomundi-3

unco-ciclomundi-4

unco-ciclomundi-5

unco-ciclomundi-7

Alessio Sartore

Intervista a cura di Alessio Sartore

Il suo sito è alessiosartore.com

Lascia un commento