CONTATTAMI

Mettiamoci in contatto!

Per contattare l'intervistato devi accedere a Uncò Mag


Oppure Iscriviti manuamente

TEDxPadova

6 minuti 1161 parole

Organizzare un TEDx, ma quali sono le difficoltà? Lo abbiamo chiesto al team di TEDxPadova

parole: 1.158 | tempo di lettura: 4 minuti

unco-tedxpadova-1

Dopo Roncade e Verona è la volta di Padova. “Shake your mind and lead the change” è il titolo scelto per il terzo appuntamento che chiuderà il mese veneto dei TEDx.
Sono in corso gli ultimissimi preparativi per l’evento che si svolgerà domani 1 marzo presso il Centro Culturale San Gaetano. Abbiamo chiesto ai giovani organizzatori quali sono state le maggiori difficoltà che hanno dovuto affrontare. Ecco cosa ci hanno risposto.

Carlo Pasqualetto, President & Licensee
Per realizzare TEDxPadova è stato necessario coordinare moltissime persone, risolvere innumerevoli imprevisti e soprattutto scontrarsi con la burocrazia italiana che ha rappresentato senz’altro la maggiore difficoltà per il nostro team. Quello che ho cercato di comunicare a tutto il team è stato “Siate liberi, siate leader!” perché è solo con la libertà che si riesce ad andare oltre i propri limiti e non solo fare le cose, ma farle in modo stupefacente.
Non ci saremmo mai aspettati di riuscire a creare quello che oggi è TEDxPadova, un evento formato da speaker visionari, partner che hanno creduto in noi e un pubblico di innovatori.

Amalia Nangeroni, Ufficio Stampa
La maggiore difficoltà che ho riscontrato nel mio lavoro è stata senz’altro quella di far conoscere il format TED alla stampa locale.
Purtroppo, sebbene l’evento sia noto a livello internazionale, in Italia è ancora sconosciuto ai più.
Sono fiera di farmi portavoce di un evento che ha come mission quella di “diffondere idee di valore” e orgogliosa di far parte di una generazione che sta dimostrando all’Italia di impegnarsi attivamente per migliorare il Paese.

Benedetta Piva, Partner Coordinator
La ricerca di partner disponibili a supportare la nostra iniziativa mi ha fatto capire quanto l’Istituzione TED sia ancora poco conosciuta nel nostro territorio. Trasmettere il valore delle nostre idee e la validità della formula dell’evento a persone che non avevano la minima idea di cosa fosse il TED è stata per me la difficoltà più grande.
Sono convinta che con TEDxPadova riusciremo a scuotere le menti delle persone e a diffondere idee innovative, collocandole nelle esigenze e nei bisogni locali!

Benedetta Rizzi, Speaker Coordinator
Riuscire a coordinare ventidue persone non è facile soprattutto perché ognuno ha le proprie esigenze; inoltre è necessaria molta organizzazione, bisogna sempre avere la situazione sotto controllo, far rispettare moltissime scadenze e soprattutto i limiti dettati da TED e non solo: bisogna anche riuscire a trasmettere lo spirito TED a tutti gli speaker, perché sono proprio loro a fare l’evento!

Giorgio Chinea, Curatore e Art Director
Da direttore artistico e curatore della Performance Relazionale (“ARCAICA XIV”) – che andrà in scena nell’agorà del San Gaetano durante il cocktail di chiusura – pensavo di trovare meno problematiche burocratiche, a tratti inutili ed esagerate. Un luogo di così grande bellezza e prestigio per la nostra città dovrebbe ospitare l’arte e la cultura 365 giorni all’anno, sul modello europeo del Centre Pompidou di Parigi!

Adriano Del Moro, Responsabile Digital Marketing
Per me la sfida maggiore è stata quella di trasmettere e far capire agli utenti il concept TEDx, ma i risultati ad oggi raggiunti sono molto positivi: con oltre 1.500 like in continua crescita siamo la seconda pagina del TEDx per numero di fan in Italia.
Voglio ringraziare anche il team di volontari che, subentrando in questo rush finale, ha portato un grande valore aggiunto!

Antonio Moro, Treasurer
Ci sono stati diversi scogli da superare, ma li ho affrontati più come sfide che come difficoltà vere e proprie. L’ostacolo più grande, per tutto il team, è stato far comprendere ai nostri partner il valore dell’iniziativa e il ritorno dal punto di vista mediatico e sociale dell’evento; il coordinamento del comitato e i rapporti con i partner sono stati problemi di secondo piano rispetto alla difficoltà e all’ostracismo burocratico che abbiamo riscontrato nelle pubbliche amministrazioni.

Margherita Bedeschi, Event Manager
Nell’organizzare l’evento abbiamo trovato diverse difficoltà a livello burocratico.
A grandi linee, senza scendere nei particolari, i problemi maggiori li abbiamo riscontrati per la concessione di spazi, l’utilizzo o meno di arredi giá presenti in loco ed eventuali loro spostamenti..

Giulia Pasqualetto, Ufficio Stampa
Le maggiori difficoltà le ho riscontrate nel tempo a mia disposizione per scrivere i contenuti volti alla comunicazione: non è stato facile conciliare lavoro e organizzazione dell’evento! La parte bella, invece, è stata conoscere tanti professionisti dai quali ho imparato molte cose che mi saranno utili e mi renderanno il lavoro più veloce nel prossimo TED!

Jacopo Amistani, Partner Coordinator
Ho avuto il piacere e l’onore di partecipare a due differenti TEDx come Speaker
Il cambio di prospettiva a organizzatore mi ha fatto capire come sia obbiettivamente complicato.
Personalmente mi sono occupato di proporre delle Partnership a due società internazionali per delle sponsorship all’evento e di aiutare con qualche suggerimento i ragazzi che curavano la parte grafica e comunicativa grazie all’esperienza mutuata dai miei due precedenti TEDx.
Ho potuto constatare sulla mia pelle come sia difficile portare a termine una comunicazione efficace e consistente tale che le persone capiscano di che si parla, come anche convincere i potenziali Partner, che l’evento è unico ed irripetibile e che vale la pena sostenerlo.

Jacopo Pertile, Technology Specialist
La più grande difficoltà che ho trovato è stata quella di trasmettere ai partner e sponsor il concetto di TEDx: cosa volesse significare diventare partner della comunità TED, il valore che noi potevamo conferire loro e quello che potevano darci a loro volta ma, soprattutto, trasmettere gli ideali che stanno alla base del TED. L’altro lato della medaglia sono stati i volontari: in una sola settimana ci sono arrivati tantissimi cv di ragazzi che avevano voglia di mettersi in gioco in prima persona e che volevano partecipare attivamente all’evento. È‎ stato triste doverne selezionare solo alcuni, ma siamo felici che a Padova ci siano così tanti giovani con un sacco di voglia di fare e ben lontani dal concetto di pigrizia espresso pochi giorni fa da J. Elkann.

Maria Vittoria Cacace, tax&legal e Partner Coordinator
Quando Carlo mi ha proposto di entrare nel team non pensavo che potesse essere così complicato, forse perché ancora non immaginavo la grandezza dell’evento che stavamo per organizzare. Nel mio ruolo in particolare mi sono dovuta confrontare con le difficoltà legate all’eccessiva burocrazia che caratterizza il nostro Paese; non avete neanche idea della quantità di adempimenti che sono richiesti, anche per un evento che dura una sola giornata! Questo per quanto riguarda l’aspetto tax&legal.
Come Partner Coordinator, invece, ho incontrato molte difficoltà soprattutto all’inizio: nonostante il generale entusiasmo dimostrato da tutti i potenziali partner a cui abbiamo presentato il nostro evento, non sempre siamo riusciti a finalizzare, complice anche la difficile situazione economica attuale del Paese. Fortunatamente nel nostro cammino abbiamo incontrato persone che hanno scommesso su di noi! Vorrei ringraziare in particolare Carlo Cavedon, direttore del Superflash Store di Padova, che è stato il primo ad appassionarsi al TEDxPadova ed è stato fondamentale nella gestione dell’importante partnership conclusa con Cassa di Risparmio del Veneto.

unco-tedxpadova-2-v2 (1)

carlopasqualetto

amalianangeroni

benedetta-piva

benedettarizzi

giorgiochinea

adrianodelmoro

antoniomoro

margherita-bedeschi

giuliapasqualetto

jacopo-amistani

jacopopertile

mariavittoriacacace

Isabella Sacchetti

Intervista a cura di Isabella Sacchetti

Chief editor. Ascolta (tanto), parla (tantissimo), legge, traduce. I suoi amici non vogliono mai accompagnarla da nessuna parte perché conosce troppe persone. Lei dice sempre che prima o poi si fermerà, ma ormai non le crede più nessuno, soprattutto ora che va intervistando gente in giro.

Lascia un commento